Tra gli impegni richiesti al Governo regionale il mantenimento del patrimonio di conoscenza delle aziende e dai lavoratori e l’istituzione di un tavolo tecnico regionale con il Gruppo Stellantis per scongiurare il ridimensionamento dello stabilimento.

Sì all’unanimità dei consiglieri regionali presenti sulla risoluzione riguardante la situazione dello stabilimento Stellantis di Melfi. Con il documento sottoscritto dai tutti i consiglieri presenti si impegna la Giunta regionale affinché “nella interlocuzione con il Governo nazionale, si lavori per:mantenere e potenziare il livello qualitativo del processo produttivo, evitando di disperdere gli investimenti fatti in materia di prevenzione e sicurezza del lavoro e il relativo patrimonio immateriale di conoscenza fatto proprio dalle aziende e dai lavoratori; condividere con tutte le Aziende e con Stellantis, in particolare, misure alternative alla mera riduzione dei costi con la soppressione dei posti di lavoro e dei processi esternalizzati (servizi, logistica, indotto etc…);istituire un tavolo tecnico regionale con il Gruppo Stellantis al fine di avviare un confronto per scongiurare il ridimensionamento dello stabilimento ed eventuali riorganizzazioni strutturali onde evitare il depauperamento del lavoro e dell’economia della regione Basilicata; attivare e potenziare la Z.E.S o altri istituti capaci di ridurre il carico fiscale con particolare riferimento alle attività produttive che impiegano manodopera; ridurre il costo dell’energia per l’apparato produttivo insediato, trasformando in valore il carico ambientale e paesaggistico già sostenuto dal territorio per la presenza di numerose installazioni per la produzione di energia da fonti rinnovabili”.
L’impegno richiesto alla Giunta regionale è teso, altresì, a: “procedere alla stima del fabbisogno energetico dell’area produttiva di San Nicola di Melfi, mappare gli impianti da Fer presenti all’interno dell’area e in prossimità e valutare la creazione di un distretto energetico sostenibile che escluda categoricamente pratiche di greenwashing per le industrie del fossile. Nel caso dell’idrogeno, prevedere esclusivamente la produzione di idrogeno verde, quindi solo attraverso l’immagazzinamento di energia proveniente da fonti di energia al 100 per cento rinnovabili (in particolare impianti fotovoltaici); potenziare le misure introdotte dall’articolo 27 del D.L. 14/08/2020 n.104, finalizzata a ridurre il cuneo fiscale che grava sui redditi da lavoro e sulle imprese che occupano manodopera con contratto di lavoro a tempo indeterminato; proseguire nella politica di incentivazione della domanda di acquisto di autoveicoli, con particolare attenzione alle tecnologie attualmente presenti nei siti produttivi italiani e, più specificamente, alle motorizzazioni ibride; istituire una task force nazionale che segua il processo di cambiamento in atto sul sistema industriale dell’auto italiana che, per Stellantis, ha nello stabilimento di Melfi il principale centro produttivo;avviare una interlocuzione urgente con il Governo e, in particolare, con il Mims affinché, nel Pnrr di prossima approvazione e che deve essere trasmesso all’Unione europea entro il prossimo 30 aprile, siano recepite le indicazioni in termini di potenziamento infrastrutturale dell’area di San Nicola di Melfi, con particolare riferimento alla linea Potenza-Foggia, attraverso una variante di tracciato che consenta la realizzazione di un nodo passeggeri e merci in prossimità dello stabilimento, capace di connettersi in pochi minuti al corridoio Ten-T dell’alta velocità Napoli-Bari, consentendo altresì il riutilizzo della linea esistente come interconnessione tra tutti i Comuni del Nord Basilicata e l’area industriale, a beneficio di pendolari e residenti in una visione di città diffusa interconnessa da un sistema di mobilità sostenibile;per istituire un distretto tecnologico specializzato sull’automotive con l’obiettivo di attrarre investimenti utili a fare nascere e sviluppare imprese capaci di soddisfare il bisogno di tecnologie per il mercato del futuro dell’ auto che diventerà sempre più ‘Smart’ (es: auto a guida autonoma, telecontrollo, smartgrid, sistemi di Infotainment etc..) e più ‘Green’ (auto elettriche e ad idrogeno, car sharing, motore alta efficenza e materiali più leggeri)”.
L’impegno del Governo regionale, si legge nel documento, sarà indirizzato, altresì a “definire una politica industriale che traghetti la nostra regione, la nostra economia ed i nostri territori verso nuovi modelli di crescita più sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale; a costruire un fronte comune con le altre Regioni italiane interessate dall’industria dell’auto; e a programmare altri interventi mirati alle aree industriali lucane per il potenziamento in generale della rete infrastrutturale, la riduzione dei costi energetici e fiscali, la messa in rete degli insediamenti industriali con il territorio circostante”.
Al termine della votazione il presidente dell’Assemblea Carmine Cicala ha rivolto parole di ringraziamento a tutti i consiglieri: “Oggi con la sottoscrizione e votazione unanime della risoluzione abbiamo scritto una bella pagina di politica. Un atto di impegno responsabile verso i lavoratori dello stabilimento di Melfi e verso l’intera Basilicata”.

Stellantis di Melfi: “Il dibattito in Consiglio regionale”

La vertenza Stellantis al centro dei lavori odierni del Consiglio regionale della Basilicata, riunitosi in seduta straordinaria. Dopo la relazione del Presidente della Regione Basilicata, VitoBardi, è intervenuto il consigliere GianniPerrino (M5s)che si è detto preoccupato della questione. “I livelli occupazionali– ha sottolineato – vanno difesi con i denti perché questa azienda negli anni è stata agevolata attraverso tutta una serie di misure, sia dal Governo nazionale che dal Governo regionale. Occorre far pesare questi tipi di interventi per difendere gli interessi dei lavoratori e delle aziende dell’indotto”. L’esponente di M5s si è soffermato, poi, sulla questione idrogeno. “L’idrogeno molecolare – ha precisato – non è presente in natura e deve essere prodotto in maniera artificiale. Mi preme sottolineare che il 95 per cento dell’idrogeno attualmente viene prodotto attraverso processi che non sono realmente green, ma si tratta di idrogeno grigio prodotto dal gas o dal petrolio. In tal caso,si farebbe l’ennesimo regalo alle compagnie del fossile. Se si decide di produrlo occorre che lo si faccia esclusivamente da fonti di energia rinnovabilesenza ricorrere al fossile. Prego tutti di fare molta attenzione, di studiare le questione e di evitare di entusiasmarsi e fare l’ennesimo regalo a tutte le multinazionali che hanno contribuito ad accelerare il declino della nostra regione”.
“Fiat, Fca, Stellantis, negli anni i nomi sono cambiati, come gli assetti industriali, ma per noi lucani il tema automotive resta unico, ed è incentrato a Melfi che ne rappresenta tutta la strategicità con il suo indotto industriale. E non solo”. E’ quanto ha dichiarato il consigliere Vincenzo Acito(Fi) che ha posto l’accento su ciò di cui ha bisogno l’automotive: un’azione più alta, volta a portare in Basilicata le nuove linee produttive che Stellantis ha intenzione di avviare in Italia già dall’anno prossimo, in particolare per la produzione di batterie per le nuove auto ibride ed ecologiche, facendo diventare la Basilicata il polo italiano per l’elettrificazione. Dobbiamo giocare d’anticipo rispetto al piano industriale che Carlos Tavares ha annunciato come ‘offensivo e con rotture significative’, ed atteso per fine anno. Il nostro obiettivo sia quello di tracciare insieme la strada per preservare l’automotive non solo per i prossimi 5 anni, ma piuttosto siamo nella fase in cui possiamo programmare lo sviluppo di altri e nuovi scenari industriali che possano vedere la nostra regione come un luogo utile e strategico in cui investire”.
“Da parte mia e del partito che rappresento, Italia Viva, c’è il massimo impegno e la disponibilità a far tutto il possibile a ogni livello istituzionale”. Così il consigliere di Italia Viva, Mario Polese. “La Regione Basilicata ha sempre creduto e investito sulla Fiat, poi Fca e oggi Stellantis, il quarto gruppo industriale del mondo che ragiona su logiche globali. Occorre potenziare le nostre capacità infrastrutturali immaginando di rappresentare proposte fattibili da finanziarie all’interno del Piano nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) e stimolare una trasformazione dei nostri asset produttivi proiettati alla produzione di batterie per vetture elettriche o ancor di più alla produzione di energia all’idrogeno. Dobbiamo lasciar da parte le dinamiche delle divisioni e bisogna giocare una partita insieme con organizzazioni sindacali, istituzioni, politica e soprattutto Governo nazionale. Una delle idee che potremmo lanciare è che Melfi diventi uno stabilimento modulare in cui si possano produrre non solo i modelli della Renegade e della Compass. Bisogna prepararsi a far giocare alla Basilicata una partita determinante anche per affrontare la sfida complessa della transizione energetica e la costruzione di veicoli a meno impatto ambientale: elettrici ma anche ad idrogeno. Altra questione fondamentale è quella delle infrastrutture. Polese ha concluso segnalando uno studio redatto da tecnici e dirigenti di Italia Viva di Melfi, che prevede il potenziamento del nodo ferroviario del nord Basilicata.

“Sta nei numeri, prima ancora che nelle considerazioni di carattere politico e sociale – ha detto il capogruppo di Fratelli d’Italia, Giovanni Vizziello-, la rilevanza dello stabilimento Stellantis per l’economia lucana. Doveroso che le istituzioni siano al fianco dei lavoratori per la difesa dei livelli occupazionali e della produttività dello stabilimento, tenendo presente però che siamo al cospetto di dinamiche che spesso prescindono dalla volontà delle istituzioni locali. Occorre tracciare un percorso definito dell’intervento regionale che deve essere diretto a valorizzare tutti gli strumenti di potenziale sviluppo economico del territorio, sulla base di una proficua attività di concertazione sia con i territori limitrofi sia con i rappresentanti del sistema produttivo lucano come Stellantis. Se il settore dell’automotive rappresenta una delle quattro componenti essenziali degli asset di sviluppo su cui la nostra regione ha deciso di puntare per realizzare la crescita economica sulla base delle risorse europee, dobbiamo intraprendere ogni azione utile a tal fine: dalle opportunità derivanti dalle ZES e dalle connesse politiche di agevolazione fiscale, al tema dello sviluppo della mobilità delle merci attraverso gli interporti, dal collegamento di Melfi all’alta velocità Napoli-Bari, al tema dei parchi scientifici e dei distretti tecnologici come luoghi per eccellenza della sinergia tra centri di ricerca e imprese”.
“Il Consiglio straordinario di oggi richiesto con determinazione da tutti i gruppi di minoranza rimette al centro della agenda politica regionale la vicenda relativa alle strategie di sviluppo che interessano il sito produttivo ex Fca ora Stellantis”. Così ha esordito il capogruppo del Pd, Roberto Cifarelli. “In questi giorni – ha proseguito -, stiamo assistendo ad un dibattito regionale a più voci, con alcuni punti condivisi da tutti: il primo è ritenere prioritaria una forte coesione e unità istituzionale, politica e sociale al fine di affrontare questa vertenza con più forza; il secondo è rappresentato dal non accettare la perdita di neanche un solo posto di lavoro (diretto e indiretto). Al Governo regionale chiediamo una politica industriale che traghetti la nostra regione, la nostra economia e i nostri territori da una dimensione industrialista tradizionale a nuovi modelli di crescita più sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale; di istituire una task force territoriale con la presenza degli enti locali interessati, delle organizzazioni sindacali e datoriali che segua la vicenda e indirizzi le decisioni da prendere; di costruire un fronte comune con le altre Regioni interessate dall’industria dell’auto; di programmare interventi mirati alle aree industriali lucane, tra queste, il potenziamento della rete infrastrutturale, la riduzione dei costi energetici e fiscali, la messa in rete degli insediamenti industriali con il territorio circostante”.
“In vista dei fondi europei sulla innovazione, le istituzioni non possono non consentire piani di innovazione. La loro mission, così come ha sottolineato il presidente della Regione Bardi, deve concretizzarsi in leggi che consentano l’industrializzazione, unico modo per garantire la crescita costante e duratura della nostra regione. Non si può più perdere tempo e rinviare il processo di transizione ecologica”. Così la consigliera Dina Sileo (Lega) per la quale “Costruire le opportunità significa aprire il territorio agli investimenti soprattutto nelle aree industriali e nelle zone Zes.Una visione miope e chiusa rispetto alle opportunità sulle fonti rinnovabili a servizio del comparto produttivo – ha precisato Sileo – potrebbe impedire i processi che il governo Draghi ha messo in moto e che la Lega sostiene”. “Giorgetti- ha concluso la consigliera – ha assicurato uno sforzo per le industrie del mezzogiorno e se è vero come è vero che l’Europa mette a disposizione fondi perché l’Italia si metta al passo come potrebbe il ministro leghista consentire che un’azionista francese delocalizzi stabilimenti?”.
“Creare un contesto territoriale con investimenti infrastrutturali materiali e immateriali in cui lo stabilimento mantenga il livello di competitività per competere con la concorrenza internazionale. Lavorare ad una intesa con il Governo e Stellantis per creare un distretto tecnologico specializzato sull’automotive che nel futuro sarà sempre più smart e green”. Lo dichiara il consigliere LucaBraia (Iv), assicurando il proprio impegno con i propri rappresentanti nel Governo e nel Parlamento affinché continuino a farsi carico del tema, stimolando investimenti che aiutino Stellantis ad essere competitiva. Ritengo che l’unica cosa di cui dobbiamo occuparci come Regione, oggi, è di come questo fattore occupazionale e produttivo continuerà a caratterizzare quel sito, chiedendo un protagonismo attivo della nostra Regione in tutti i tavoli nazionali. Inevitabilmente, dobbiamo immaginare un posizionamento futuro dell’azienda nel contesto mondiale dell’automotive e questo non potrà che incentrarsi su politiche capaci di efficientare il sistema produttivo e proiettarlo in un mercato sempre più tecnologico e sostenibile. La riflessione è complementare a quanto esposto dal collega Polese. E’ arrivato il momento di puntare sulla competitività di una scelta fatta 25 anni fa, rivelatasi vincente e che può continuare ad esserlo oggi”.
“Il ridimensionamento dello stabilimento Stellantis di Melfi, paventato in questi ultimi giorni e i possibili tagli dei posti di lavoro, sarebbero l’ennesima beffa per il nostro territorio e per il già fragile tessuto economico e sociale”. Lo ha sottolineato il consigliere Tommaso Coviello (Fdi), ricordando che “L’impianto di Melfi rappresenta la realtà industriale più importante della e per la Basilicata che permette il sostentamento di centinaia di famiglie lucane. E noi, come istituzioni abbiamo l’obbligo di difenderla ad ogni costo per evitare che una realtà solida e nella quale i lucani ripongono numerose aspettative si trasformi nell’ennesima speranza disattesa. L’occupazione e la difesa della stessa rappresenta un caposaldo di quel cambiamento e del buon governo promesso ai lucani solo due anni fa e per il quale siamo tutti impegnati in questa Assise regionale. Siamo chiamati a vigilare e dobbiamo farlo insieme indipendentemente dalle idee e dagli schieramenti politici. Come? Attraverso il lavoro e l’impegno, evitando qualsiasi tipo di strumentalizzazione. Da parte mia, e da parte di Fdi, ci sarà il massimo impegno per far sì che nemmeno un posto di lavoro vada perso”.

“Abbiamo più volte ribadito e denunciato la situazione di incertezza che aleggia sullo stabilimento Stellantis di Melfi, situazione che sta diventando sempre più preoccupante e potrebbe a breve esplodere in tutta la sua drammaticità”. Lo ha detto il capogruppo M5s, Gianni Leggieri. “Il management di Stellantis durante l’incontro di Torino dello scorso 15 aprile – ha proseguito – ha affermato di non avere intenzione di ridurre la capacità produttiva in tutto il Paese e a Melfi ma piuttosto immagina azioni finalizzate a fronteggiare il forte calo della domanda di mercato. Tuttavia, tanti sono i dubbi. Occorre vigilare e mantenere sempre alta l’attenzione, dobbiamo lavorare, affinché venga completata nel più breve tempo possibile l’elettrificazione della linea ferroviaria della tratta Potenza-Melfi-Foggia, e vengano conclusi gli interventi relativi alla variante del tracciato di San Nicola di Melfi della linea ferroviaria Potenza-Foggia. Auspico che il nostro Governatore si faccia promotore di un’iniziativa volta a sensibilizzare i presidenti di Puglia e Campania per rendere più forte ed incisiva l’azione sul Governo,