Il coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia Sergio Pascale in una nota dichiara che nell’ultima seduta del Consiglio comunale di Grassano è stato  chiarito ogni dubbio sull’alleanza ormai evidente tra il Partito Democratico e il Movimento 5 stelle con l’approvazione del Dup avvenuta con la complicità di una consigliera comunale del Movimento 5 Stelle. Di seguito la nota integrale.

Il Consiglio Comunale  convocato per la giornata di lunedì 19 ottobre 2020 alle ore 9,30 nella sala consigliare di Palazzo Materi a Grassano ha finalmente chiarito ogni dubbio sull’alleanza ormai evidente tra il Partito Democratico e il Movimento 5 stelle. Nella seduta odierna la maggioranza non aveva  il numero legale per la validità della seduta  come previsto  dall’art. 38, co. 2 del T.U.E.L. n. 267/2000. Situazione davvero “singolare” che denota  superficialità da parte dei consiglieri di maggioranza  assenti visto che al quarto punto dell’ordine del giorno c’era l’approvazione del DUP  2021-2023 (Documento Unico di Programmazione).  Questo documento è fondamentale per tutti gli Enti perché  definisce le politiche i programmi e gli obiettivi da conseguire nel triennio di riferimento ed è strettamente collegato al Bilancio Comunale. L’Amministrazione di Grassano però sapeva di avere l’alleato tra i banchi della minoranza, quella stessa minoranza che in campagna elettorale aveva promesso una opposizione agguerrita nel caso di sconfitta. L’atteggiamento della consigliera Francesca Rizzo, rappresentante del Movimento 5 stelle non ci stupisce e conferma la linea seguita dal Movimento a livello Nazionale. D’altronde il feeling con il Partito Democratico la consigliera Rizzo l’ha sempre avuto già nel 2012 il suo nome compariva nella lista presentata dal Partito Democratico successivamente  “ricusata”.
Cari concittadini grassanesi il dado è tratto, il matrimonio tra il Partito Democratico ed il Movimento 5 stelle è stato ufficialmente celebrato a noi del centro destra oggi il dovere di continuare nel nostro ruolo di minoranza verificando l’operato di questa amministrazione e laddove riscontrassimo irregolarità denunciarle pubblicamente.

Fonte: SassiLive – Read More