Parco della Murgia, Verdi di Matera: “Un luogo che i materani non sono stati in grado di difendere, un’area protetta che nessuno ha protetto”. Di seguito la nota integrale.

Abbiamo appreso con vivo interesse che il Parco della Murgia sarebbe un eccellente esempio di restauro a tal punto che “Assorestauro farà tappa anche a Matera per mostrare le migliori esperienze del Sud”.
Non avendola mai sentita nominare prima – per nostra ignoranza – abbiamo scoperto, visitando il sito internet, che Assorestauro è una “associazione italiana tra i produttori di materiali, attrezzature e tecnologie e i fornitori di servizi e imprese specializzate nata per rappresentare il comparto del restauro e della conservazione del patrimonio materiale sia a livello nazionale sia a livello internazionale”.
Senza nulla togliere alla qualità del giudizio di Assorestauro, viene da considerare che le opere di “restauro” nel Parco della Storia dell’Uomo sono davvero residuali rispetto alla “riqualificazione ambientale” – largamente dominante – eseguita da un’impresa edile il cui codice ateco risulterebbe riferito a “Costruzione di edifici residenziali e non residenziali”.
Ciò che in realtà i Verdi materani davvero non apprezzano è che la valutazione entusiastica delle opere di restauro eseguite sembra volersi estendere sull’intero progetto articolato nelle sezioni “Preistoria” e “Civiltà Rupestre”.
Viene da considerare, in una Città che è sede dell’Istituto Centrale per il Restauro, con la Scuola di Alta Formazione “Michele D’Elia”, in una Città che è fatta di saperi qualificati, al tempo autorevoli ed umili e che vivono da sempre un rapporto “intimo” con il territorio di cui si sentono parte integrante, che il parere – legittimo – di Assorestauro riesce a dare la stessa sensazione che si percepisce incontrando un turista che pretende di indicarci, nella nostra Città, la strada di casa.
Per i Verdi materani e di Basilicata non può esserci un giudizio positivo su un progetto che ha cambiato i connotati a Murgia Timone. Un luogo che i materani non sono stati in grado di difendere, un’area protetta che nessuno ha protetto.
Chiediamo ad un bambino se il paesaggio è cambiato, saprà risponderci senza esitazione. La Legge quadro sulle aree protette (L.394/91) ha funzionato? Chiediamolo ad un bambino. Ci dirà la verità.

























 

 

Fonte: SassiLive – Read More