Il 30 gennaio di 45 anni fa, con l’approvazione della prima delibera di Consiglio Comunale partiva un iter lungo e complesso che ha poi portato alla nascita del primo Paip, acronimo scelto per la prima zona artigianale nella città di Matera annessa al centro urbano. Una ricorrenza celebrata questa mattina nel modo migliore, con la presentazione nella sala Mandela del Palazzo Comunale del libro “Matera e il Paip: uno sviluppo ancora possibile?”, a cura di Leo Montemuro, presidente di Cna Basilicata e del professionista Giovanni Volpe. Il libro, promosso da Cna Basilicata, è stato pubblicato da Edizioni Giannatelli.
Partendo dalla narrazione delle fasi storiche, inserite in un ampio dibattito che nei decenni ha avuto come oggetto Matera ed il suo sviluppo, il volume raccoglie le proposte degli imprenditori e di quanti sono coinvolti nella vita del Paip orientate al rilancio di queste aree dal punto di vista produttivo ma anche urbanistico (sono due quartieri della Città), per guardare al loro futuro e a quello di Matera, della Basilicata e del Sud Europa.
Il professionista Giovanni Volpe ha sottolineato l’ambizione della città di Matera per i prossimi anni: “Matera deve essere riconosciuta come città della sapienza e abbiamo tutte le caratteristiche per raggiungere questo traguardo”.
Leo Montemuro, presidente di Cna Basilicata: “Per raccontare una situazione come quella del Paip servivano dati, li abbiamo acquisiti anche se non erano facilmente reperibili, penso al numero delle imprese, agli occupati, i settori di attività. Abbiamo coinvolto gli imprenditori che si sono insediati ricostruendo tutta la storia che ha portato all’insediamento in questa zona industriale prossima alla città di Matera, le varie delibere, il discorso normativo, il contributo dei progettisti e i cosiddetti “Case history” con le interviste ad alcuni degli imprenditori che hanno creduto nelle potenzialità del Paip, Cataldo detto Taluccio Di Simine, presente in sala per la presentazione del volume, Agostino Caldarola, Stefania Chiarito, i fratelli Franco e Raffaele De Salvo, la famiglia Liantonio, Mariella Di Simine, Giovanni Battista Damasco, Vito Gaudiano, Michele Ramundo e Franceschino Santantonio.

All’incontro, coordinato dalla giornalista Antonella Ciervo, hanno partecipato gli autori Leonardo Montemurro e Giovanni Volpe, il pro-photographer Antonello Di Gennaro, Marilina Giannatelli per la casa editrice, il Sindaco Domenico Bennardi e l’assessore comunale Giuseppe Digilio mentre si è collegato in video-conferenza Gregorio De Felice, Chief Economist di Intesa Sanpaolo mentre è stato letto un messaggio di Daniele Vaccarino, Presidente Nazionale della CNA.

L’editrice Marilina Giannatelli ha presentato in questa occasione anche un originale gadget: il reggi libro da dito, che consente di leggere un libro con una sola mano. Basta indossarlo come un anello sul pollice e la lettura sarà molto più facile.

Michele Capolupo

La fotogallery della presentazione del volume (foto www.SassiLive.it)







 

Fonte: SassiLive – Read More