Il riferimento è all’artista olandese, Maurits Cornelis Escher, scomparso nel 1972 che raggiunse in gioventù l’Italia in nave- come racconta la sua biografia- tanto da innamorarsene, traendone più di uno spunto per la sua produzione grafica. Un nome, quello di Escher, legato in prevalenza alle incisioni su legno, a litografie che rappresentano costruzioni complesse, dalle […]

Fonte: Giornalemio.it – Read More