Ictus, consigliere regionale Vizziello (Basilicata Oltre): nel Sud Italia presente solo il 22% dei centri di cura specializzati, occorre colmare al più presto tali carenze. Di seguito la nota integrale.
“Dei 208 centri specializzati nel trattamento dell’ictus presenti in Italia, solo il 22% si trova nel Mezzogiorno d’Italia, il 26% nel Centro e il 52% ha sede nel Nord. Dati che evidenziano una gravissima disparità territoriale che penalizza oltremodo i cittadini del Sud rispetto ad una malattia, l’ictus, che registra circa 90 mila ricoveri annui ed è la terza causa di morte in Italia dopo le malattie cardiovascolari e quelle tumorali”.
E’ quanto sostiene il consigliere regionale di Basilicata Oltre Giovanni Vizziello, che così commenta i recenti dati pubblicati dall’Associazione Italiana Ictus.
“Se pensiamo che ogni annocirca 100 mila persone sono colpite da questa malattia e che quelli che riescono a sopravvivere riportano spesso invalidità significative(paralisi, difficoltà motorie o del linguaggio e demenza) con conseguenti costi sociali ed economici elevatissimi”-spiega Vizziello-“si comprende perfettamente la necessità di garantire a tutti i pazienti, anche quelli del Sud Italia, una presa in carico rapida ed efficace e una riabilitazione appropriata”.
“Resta inteso che, per quanto concerne la nostra regione, occorre prioritariamente rafforzare l’operatività della Stoke Unit del San Carlo di Potenza”- aggiunge Vizziello-“ consentendo a quest’ultima di erogare le prestazioni più innovative ed efficaci contro l’ictus come la trombectomia meccanica, attraverso l’assunzione di specialisti come i neuro radiologi interventisti, in grado di completare l’organico delle ottime professionalità che l’unita neurovascolare del San Carlo esprime”.
“Il passo successivo”-spiega Vizziello-“ è quello di rendere effettiva la rete delle patologie tempo-dipendenti, che in concreto serve a stabilire compiti precisi per ciascuna struttura sanitaria regionale, evitando di portare il paziente affetto da ictus al pronto soccorso o al presidio sanitario più vicino e privilegiando il ricovero nella struttura sanitaria dotata di unità neurovascolare (Stroke Unit di I o di II livello) che soddisfi i requisiti di appropriatezza clinica ed organizzativa richiesti dal caso concreto.”
“La circostanza che a tutt’oggi in Italia più di 900 mila persone hanno avutol’ictus e sono sopravvissute”-conclude Vizziello- “ deve farci concentrare ogni sforzo su alcuni obiettivi primari come il rafforzamento della prevenzione primaria(lotta al fumo, alla sedentarietà, all’obesità e all’ipertensione arteriosa) e la cura dei pazienti con ictus nelle Stroke Unit” due autentici must che dobbiamo perseguire per garantire anche ai cittadini della Basilicata e del Sud cure appropriate alle proprie necessità di salute”.

 

L’articolo Ictus, consigliere regionale Vizziello (Basilicata Oltre): “Nel Sud Italia solo il 22% dei centri di cura specializzati, colmare al più presto tali carenze” proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More