Snellimento delle procedure burocratiche per i pagamenti agli imprenditori agricoli, ottimizzazione della risorsa idrica degli invasi, potenziamento dell’istruzione e formazione agraria, oculata gestione dell’emergenza cinghiali.Sono solo alcuni degli argomenti discussi ieri nell’ambito del Consiglio direttivo del Collegio provinciale dei periti agrari e dei periti agrari laureati di Matera, che ha approvato i bilanci consuntivo 2023 e preventivo 2024.I tecnici materani sono presenti come categoria professionale sul territorio da oltre 60 anni e contano circa 300 iscritti. “Noi periti agrari – dichiara il presidente Giuseppe Silvaggi – intendiamo continuare a dare il nostro fattivo contributo per lo sviluppo del settore primario lucano e pertanto intendiamo mettere a punto un programma da presentare ai candidati presidenti e consiglieri dei vari schieramenti politici alla Regione Basilicata al fine di rendere sempre più competitivo il comparto agricolo e agroalimentare lucano”. Tra le tematiche individuate dai periti agrari materani vi è anche quella dell’istituzione di un ITS/Istituto Tecnico Superiore sul territorio materano con specializzazione nell’agroalimentare, di cui si discute da tempo. Si tratta di un Istitutoche possa fungere da centro di alta specializzazione per i giovani che si diplomano negli Istituti agrari e che operi in una moderna visione attraverso programmi didattici innovativi, inseriti appieno in quelle modalità contenute nei principi della sicurezza alimentare e della transizione ecologica. Il tutto per dotare di nuove ulteriori professionalità il comparto primario lucano e materano in tempo di green economy e di emergenza ambientale, al fine di far conseguire agli allievi una valida e spendibile preparazione tecnica.

 

L’articolo Elezioni regionali Basilicata 2024, proposte periti agrari materani ai candidati Consiglieri proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More