Le recenti misure economiche decise dall’Amministrazione Comunale di Satriano di Lucania, finanziate con fondi del PO Val d’Agri, sono un buon esempio di impiego delle risorse del PO Val d’Agri per sostenere le famiglie e promuovere la crescita e lo sviluppo della comunità locale. Lo sostiene Francesco Cupparo (Fi), che da assessore regionale negli anni passati ha avuto la delega di coordinatore per le attività del PO Val d’Agri. I bonus per la natalità e la residenzialità che saranno erogati dal Comune di Satriano – aggiunge – rappresentano una risposta efficace, sia pure non esaustiva, ai noti problemi dello spopolamento dei nostri paesi e della denatalità.  Problemi che comunque necessità di misure più ampie di carattere nazionale e regionale. Attraverso il Programma raccogliendo le indicazioni dei sindaci dei 35 Comuni dei comprensori Val d’Agri, Melandro, Sauro, Camastra – sottolinea Cupparo – abbiamo sempre seguito la strada della condivisione delle scelte con una selezione oculata degli interventi da realizzare sulla base di priorità espresse dai sindaci e in un’ottica di sviluppo omogeneo di tutto il comprensorio. E dopo aver ereditato una situazione di stallo, determinata in passato quando non era avvenuto alcun impegno di spesa, abbiamo accelerato il finanziamento di ogni intervento, non lasciando nemmeno un euro non utilizzato. Sono certo che questa esperienza potrà essere ripetuta nel prossimo quinquennio perseguendo la strategia – con la massima condivisione – dell’impiego delle risorse derivanti dalle royalties del petrolio nei comprensori interessati all’attività estrattiva dando priorità ai bisogni delle famiglie, degli anziani, di servizi socio-assistenziali, di mobilità e di lavoro. Tutto questo dando continuità al Ripov (rete interventi programma operativo val agri) che ha rappresentato la vera rivoluzione copernicana del programma con il finanziamento dei servizi di competenza dei Comuni.

L’articolo Cupparo (Forza Italia): da Comune Satriano un buon esempio di impiego delle risorse del PO Val d’Agri proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More