Il penultimo giorno di gennaio registra 12.715 nuovi casi su 298.010 tamponi effettuati e 421 morti.

VALLE D’AOSTA
Un nuovo decesso e un nuovo caso di positività al Covid 19 oggi in Valle d’Aosta. Lo rileva il bollettino di aggiornamento sanitario della Regione che segnala che da inizio pandemia i casi positivi accertati sono complessivamente 7781. I casi positivi attuali sono oggi 248, – 5 rispetto a ieri, di cui 35 ricoverati in ospedale, 4 in intensiva, e 209 in isolamento domiciliare. I guariti sono 7129, + 5 rispetto a ieri. I tamponi finora effettuati sono 69831, +235, di cui 866 processati con test antigenico rapido.

PIEMONTE

 

LIGURIA
Sono 255 i nuovi positivi in Liguria a fronte di 4.145 tamponi molecolari e 2.781 test antigenici processati. Lo si evince dai dati diffusi dalla Regione Liguria in base ai dati flusso Alisa-Ministero. A oggi in ospedale ci sono 650 pazienti, 5 in meno rispetto a ieri, In terapia intensiva restano 62 pazienti. I paziento guariti sono 216 (60.556 il totale da inizio pandemia). I decessi segnalati sono 16, quattro dei quali si sono verificati nel dicembre 2020. Il più giovane aveva 69 anni, il più anziano 97. In sorveglianza attiva restano 5.052 persone mentre in isolamento ci sono 95 persone. Per quanto riguarda la campagna di vaccinazione, Regione Liguria rende noto che a fronte di 77,540 dosi consegnate ne sono state somministrate 57.638 pari al 74% del totale.

LOMBARDIA
Ammontano a 1832 i nuovi casi positivi in Lombardia, secondo il bollettino giornaliero della Regione. I decessi sono stati 58. Diminuiscono i ricoveri, due in meno per le terapie intensive, a 377, e 36 in meno per gli altri, a 3454). I tamponi effettuati sono 39.462, con un tasso di positivi del 4,6%. I guariti/dimessi aumentano di 5.009 unita’. Per quanto riguarda le diverse province, si contano 374 casi nel Bresciano, 363 nel Milanese, di cui 212 a Milano città. Vi sono poi 265 casi a Varese, 165 casi a Como, 143 a Monza Brianza, 119 a Pavia, 103 a Mantova, 65 a Bergamo, 59 a Lecco, 54 a Sondrio, 49 a Cremona, 26 a Lodi.

 

PROVINCIA DI TRENTO
In Alto Adige il contagio da Covid-19 resta sempre molto elevato. Da domani al 15 febbraio in provincia di Bolzano resterà chiusa tutta la gastronomia – dai bar ai ristoranti – e viene raccomandato l’uso della mascherina Ffp2. L’Alto Adige per il governo italiano diventerà ‘zona arancione’, mentre per l’Unione Europea è ‘zona rosso scuro’. Nel frattempo anche oggi i dati comunicati dall’Azienda sanitaria altoatesina confermano un trend in crescita sia nei contagi che nella pressione sugli ospedali. I casi di coronavirus nelle ultime 24 ore sono 640 su 7.622 tamponi processati. Delle nuove positività, 264 sono emerse da 2.631 tamponi molecolari processati e 376 su 4.991 test antigenici effettuati. Elevato il numero dei decessi di ieri, 7, per un totale di 869 dall’inizio della pandemia. Dal 22 febbraio 2020, giorno del primo caso di coronavirus accertato in Alto Adige, le persone positive ad un tampone molecolare sono 35.711 su 178.834 testate. Le persone che avevano un tampone molecolare positivo ora giudicate guarite sono 23.500. In crescita il numero dei ricoverati: 216 sono i pazienti covid che si trovano nei normali reparti ospedalieri e 32 (2 in più di ieri) in terapia intensiva. I pazienti infetti ricoverati nelle strutture private convenzionate sono 149.

 

PROVINCIA DI BOLZANO
In Alto Adige il contagio da Covid-19 resta sempre molto elevato. Da domani al 15 febbraio in provincia di Bolzano resterà chiusa tutta la gastronomia – dai bar ai ristoranti – e viene raccomandato l’uso della mascherina Ffp2. L’Alto Adige per il governo italiano diventerà ‘zona arancione’, mentre per l’Unione Europea è ‘zona rosso scuro’. Nel frattempo anche oggi i dati comunicati dall’Azienda sanitaria altoatesina confermano un trend in crescita sia nei contagi che nella pressione sugli ospedali. I casi di coronavirus nelle ultime 24 ore sono 640 su 7.622 tamponi processati. Delle nuove positività, 264 sono emerse da 2.631 tamponi molecolari processati e 376 su 4.991 test antigenici effettuati. Elevato il numero dei decessi di ieri, 7, per un totale di 869 dall’inizio della pandemia. Dal 22 febbraio 2020, giorno del primo caso di coronavirus accertato in Alto Adige, le persone positive ad un tampone molecolare sono 35.711 su 178.834 testate. Le persone che avevano un tampone molecolare positivo ora giudicate guarite sono 23.500. In crescita il numero dei ricoverati: 216 sono i pazienti covid che si trovano nei normali reparti ospedalieri e 32 (2 in più di ieri) in terapia intensiva. I pazienti infetti ricoverati nelle strutture private convenzionate sono 149.

FRIULI VENEZIA GIULIA
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.076 tamponi molecolari sono stati rilevati 292 nuovi contagi con una percentuale di positività del 4,8%. Sono inoltre 1.970 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 123 casi (6,24%). I decessi registrati sono 13, a cui se ne aggiunge un altro verificatosi il 20 gennaio; si riducono i ricoveri nelle terapie intensive (57) così come quelli in altri reparti (596).
Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 2.378, con la seguente suddivisione territoriale: 544 a Trieste, 1.143 a Udine, 534 a Pordenone e 157 a Gorizia. I totalmente guariti sono 51.915, i clinicamente guariti salgono a 1.551, mentre diminuiscono le persone in isolamento che oggi risultano essere 10.641. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 67.138 persone con la seguente suddivisione territoriale: 13.455 a Trieste, 29.582 a Udine, 15.231 a Pordenone, 8.059 a Gorizia e 811 da fuori regione.

 

VENETO
E’ di 792 nuovi positivi (ieri 985) e 60 vittime (ieri 53) in 24 ore il bilancio della pandemia di Coronavirus in Veneto. Lo riporta il bollettino di Azienda Zero di questa mattina, ore 8. I contagiati da marzo salgono a 311.686 e le vittime totali sono 8.922. Prosegue il trend di calo dei ricoverati sia in area non critica (-71), sia in intensiva (-18), dove oggi si trovano 222 persone.

TOSCANA
In Toscana sono 133.946 i casi di positività al Coronavirus, 603 in più rispetto a ieri (589 confermati con tampone molecolare e 14 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,4% e raggiungono quota 120.669 (90,1% dei casi totali). L’età media dei 603 nuovi positivi odierni è di 44 anni circa (il 19% ha meno di 20 anni, il 24% tra 20 e 39 anni, il 31% tra 40 e 59 anni, il 18% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più).

Oggi si registrano 22 nuovi decessi: 11 uomini e 11 donne con un’età media di 83,5 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 8 a Firenze, 1 a Prato, 6 a Massa Carrara, 3 a Lucca, 1 a Pisa, 2 a Arezzo, 1 a Siena. Oggi sono stati eseguiti 9.948 tamponi molecolari e 5.909 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3,8% è risultato positivo. Sono invece 6.994 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui l’8,6% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 9.083, +0,9% rispetto a ieri. I ricoverati sono 743 (16 in meno rispetto a ieri), di cui 95 in terapia intensiva (5 in meno). Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Per quanto riguarda i casi complessivi di positività sul territorio, sono 37.247 a Firenze (206 in più rispetto a ieri), 11.343 a Prato (55 in più), 11.371 a Pistoia (40 in più), 8.485 a Massa (46 in più), 13.745 a Lucca (41 in più), 18.056 a Pisa (54 in più), 10.342 a Livorno (82 in più), 12.074 ad Arezzo (22 in più), 6.198 a Siena (31 in più), 4.530 a Grosseto (26 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 314 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 210 nella Nord Ovest, 79 nella Sud est.

 

EMILIA – ROMAGNA
Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 217.377 casi di positività, 1.314 in più rispetto a ieri, su un totale di 24.020 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,5%, età media 43,1 anni. Ventisette i decessi: ancora in calo casi attivi e ricoveri. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 203 (-6 rispetto a ieri), 2.124 quelli negli altri reparti Covid (-48).I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 46.359 (-984 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, sono complessivamente 44.032 (-930), il 95% del totale dei casi attivi. Questi i principali dati sul covid in Emilia Romagna: intanto prosegue la campagna di vaccinazione. Alle ore 15 erano state somministrate complessivamente 186.113 dosi, di cui 7.004 oggi; sul totale, 55.664 sono seconde dosi, cioè le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

UMBRIA
Dopo i sette di ieri, altri cinque morti per Covid in Umbria nelle ultime 24 ore (772 dall’inizio della pandemia), secondo i dati della Regione aggiornati al 30 gennaio. Scendono invece i ricoveri, da 402 a 401, con due pazienti in più, però, in terapia intensiva, ora 55. I nuovi casi accertati nell’ultimo giorno sono 228. I guariti sono 189 (29.474 in tutto) ed il numero degli attualmente positivi sale a 5.511. Nelle ultime 24 ore sono stati processati 3.936 tamponi molecolari (591.529 quelli eseguiti dall’inizio della pandemia) e 3.139 test antigenici (31.629). Scende, quindi, al 3,2 per cento il tasso di positività totale.

LAZIO
Sono 63.795 i casi attualmente positivi a Covid-19, di cui 2.407 ricoverati, 282 in terapia intensiva e 61.106 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono in totale 135.765, i decessi 4.945 e il totale dei casi esaminati è pari a 204.505, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

MARCHE
Nelle Marche sono stati individuati nelle ultime 24 ore 465 nuovi casi di ‘Covid-19′, il 22,4% rispetto ai 2.075 tamponi processati all’interno del percorso per le nuove diagnosi; il giorno precedente, i positivi erano stati 371, il 25,4% dei 1.458 test effettuati. Il totale dei positivi dall’inizio della crisi pandemica è salito così a 55.125. Lo si apprende dal primo aggiornamento del Servizio sanitario regionale. I nuovi positivi sono stati individuati 115 in provincia di Macerata, 138 in provincia di Ancona, 58 in quella di Pesaro-Urbino, 74 nel Fermano, 53 nel Piceno e 27 fuori regione. Questi casi comprendono 57 soggetti sintomatici, 87 contatti rilevati in ambiente domestico, 106 contatti stretti con positivi, 28 contatti rilevati in ambienti di lavoro, 19 in ambienti di socialità, 8 in ambiente assistenziale, 17 contatti con il coinvolgimento di studenti e 8 contatti rilevati attraverso lo screening nel percorso sanitario; per altri 135 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Sempre ieri, sono stati effettuati 1.442 test antigenici e riscontrati 71 casi di positività (4,9%), che saranno sottoposti al tampone molecolare, e 3.642 nel percorso guariti, che fanno scendere il rapporto complessivo positivi/testati all’13,2% rispetto al 11,8% del giorno precedente.

ABRUZZO
Sono 385 i nuovi casi di coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo. Sono emersi dall’analisi di 5.276 tamponi, il più alto numero di test mai eseguiti in un solo giorno. E’ risultato positivo il 7,3% dei campioni analizzati. La percentuale scende al 5,02% considerando anche i tamponi antigenici (+ 2.398). Nove i decessi recenti: il bilancio delle vittime sale a 1.462. In crescita le terapie intensive, che passano dalle 40 di ieri alle 43 di oggi. I nuovi positivi hanno età compresa tra 2 e 96 anni. Dei nove decessi, cinque risalgono ai giorni scorsi, ma sono stati comunicati solo oggi dalle Asl. La zona più colpita è ancora una volta l’area metropolitana: 54 i nuovi casi a Pescara, 23 a Montesilvano, 17 a Chieti, 16 a San Giovanni Teatino, 16 a Francavilla al Mare, 15 a Spoltore.

Ci sono poi 19 contagi a Giulianova e 15 a Teramo. A livello provinciale, l’incremento più consistente si registra nel Pescarese (+131), seguito dal Chietino (+111). Poi ci sono il Teramano (+95) e l’Aquilano (+42). A questi dati si aggiungono sei pazienti residenti fuori regione o la cui provenienza è in fase di accertamento. In aumento gli attualmente positivi al virus, che sono 49 in più, per un totale di 10.117 persone: 389 pazienti sono ricoverati in ospedale in area medica (invariato rispetto a ieri) e 43 sono ricoverati in terapia intensiva (+3). Al momento sono occupati il 22,75% dei 189 posti letto di terapia intensiva disponibili e il 26% dei 1.491 di area medica, a fronte di soglie di allarme rispettivamente del 30 e del 40%. Gli altri attualmente positivi, 9.685 persone, sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. I guariti delle ultime ore sono 327: il totale sale a 30.685.

CAMPANIA
Sono 1.366, di cui 116 casi identificati da test antigenici rapidi, i nuovi casi di contagio registrati in Campania nelle ultime 24 ore, a fronte di 17.345 tamponi di cui 2.809 antigenici. Lo comunica l’Unità di crisi della Regione Campania, specificando che dei nuovi positivi 1.220 sono asintomatici, 30 i sintomatici. I guariti sono 1.330, le vittime sono 22 (8 deceduti nelle ultime 48 ore e 14 deceduti in precedenza ma registrati ieri). Sono 92 i posti letto di terapia intensiva occupati (656 il totale di quelli disponibili), 1.435 i posti di degenza (3.160 il totale di quelli disponibili).

MOLISE

BASILICATA
Sono 75 i nuovi casi positivi al Sars Cov2, di cui 68 riguardanti residenti in Basilicata, su un totale di 800 tamponi molecolari registrati ieri in Basilicata. Lo rende noto la task force regionale con il consueto bollettino. Nella stessa giornata risultano decedute due persone di Potenza e Rionero in Vulture mentre i lucani guariti sono 12. “A seguito di verifica e riallineamento tra piattaforme Covid-19 della Regione Basilicata e dell’Istituto Superiore di Sanità – precisa la task force regionale – sono state registrate ulteriori 440 guarigioni relative al periodo antecedente”.

Quindi nel bollettino di oggi le guarigioni conteggiate sono 452. Di conseguenza i lucani attualmente positivi sono 5.541 di cui 5.469 in isolamento domiciliare, sono 6.953 le persone residenti in Basilicata guarite dall’inizio dell’emergenza sanitaria e 315 quelle decedute.

Le persone attualmente ricoverate nelle strutture ospedaliere lucane sono 72 (-3): al San Carlo di Potenza 29 pazienti sono ricoverati nel reparto di Malattie infettive, 23 in Pneumologia, 6 in Medicina d’urgenza e 2 in Terapia intensiva; all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera 8 persone sono ricoverate nel reparto di Malattie infettive e 4 in Pneumologia. Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati analizzati 209.243 tamponi, di cui 193.769 risultati negativi, e sono state testate 129.285 persone.

PUGLIA
Oggi in Puglia sono stati registrati 9.690 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e 871 casi positivi: 342 in provincia di Bari, 53 in provincia di Brindisi, 62 nella provincia BAT, 45 in provincia di Foggia, 111 in provincia di Lecce, 251 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione, 2 casi di provincia di residenza non nota. Sono stati inoltre registrati 29 decessi: 14 in provincia di Bari, 4 in provincia BAT, uno in provincia di Brindisi, 3 in provincia di Foggia, 7 in provincia di Taranto. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.304.490 test, 66.502 sono i pazienti guariti e 52.157 sono i casi attualmente positivi.

 

CALABRIA
“In Calabria ad oggi sono stati sottoposti a test 487.876 soggetti per un totale di tamponi eseguiti 515.406 (allo stesso soggetto possono essere effettuati più test). Le persone risultate positive al coronavirus sono 32.554 (+225 rispetto a ieri), quelle negative 455.322”. Lo rende noto la Regione Calabria nel bollettino quotidiano dei dati relativi al coronavirus: dall’inizio dell’emergenza i decessi sono 588 (+3 rispetto a ieri), i guariti sono 23.071 (+356 rispetto a ieri), i ricoveri sono 290 (-4 rispetto a ieri).

“Territorialmente – prosegue il bollettino regionale – dall’inizio dell’epidemia, i casi positivi sono cosi’ distribuiti: Cosenza: casi attivi 3.774 (65 in reparto Ao di Cosenza; 12 in reparto al presidio di Rossano;13 al presidio ospedaliero di Acri; 10 al presidio ospedaliero di Cetraro; 11 all’Ospedale da Campo; 8 in terapia intensiva, 3.655 in isolamento domiciliare); casi chiusi 5.819 (5568 guariti, 251 deceduti). Catanzaro: casi attivi 2.035 (20 in reparto all’Ao di Catanzaro; 8 in reparto al presidio di Lamezia Terme; 18 in reparto all’Aou Mater Domini; 4 in terapia intensiva; 1985 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.818
(2732 guariti, 86 deceduti). Crotone: casi attivi 237 (17 in reparto; 220 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.381 (2339 guariti, 42 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 544 (16 ricoverati, 528 in isolamento domiciliare); casi chiusi 2.243 (2205 guariti, 38 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 2.216 (75 in reparto all’Ao di Reggio Calabria; 7 in reparto al Po di Gioia Tauro; 6 in terapia intensiva; 2.128 in isolamento domiciliare); casi chiusi 10.128 (9.957 guariti, 171 deceduti). Altra Regione o Stato estero: casi attivi 89 (89 in isolamento domiciliare); casi chiusi 270 (270 guariti). I casi confermati oggi sono cosi’ suddivisi: Cosenza 84, Catanzaro 28, Crotone 6, Vibo Valentia 36, Reggio Calabria 71, Altra Regione o Stato estero 0”.

SICILIA
Sono 846 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia, su 25.251 tamponi processati, con una incidenza di pari al 3,3%. La regione resta al sesto posto per contagio in Italia, dopo Lombardia, Campania,