I militari del gruppo Carabinieri Forestale di Matera, in forza ai nuclei di Salandra, Grottole e Pisticci, durante l’attivita’ di contrasto al fenomeno del bracconaggio nelle prime ore del pomeriggio del 28 gennaio, eseguivano controlli mirati in agro del comune di Ferrandina.

Il  tale occasione venivano deferite all’autorità giudiziaria sette persone,che esercitavano l’attività di caccia al cinghiale, secondo la modalità della “braccata”con l’ausilio di cani di tipo segugio, mediante armi e munizioni non consentite per quel tipo di caccia, in periodo vietato dal calendario venatorio regionale per l’anno 2023/2024.

I Carabinieri forestali durante le fasi di controllo, provvedevano al sequestro di tutte le armi: 8 tra fucili e carabine e n. 273 munizioni di vario calibro.

Altresì, rinvenivano un mezzo fuoristrada cassonato, all’interno del quale vi erano gli animali abbattuti illegalmente per un numero complessivo di dieci capi appartenenti alla specie “sus scrofa” (cinghiale).

Veniva richiesto l’intervento del veterinario reperibile dell’Asm di Matera, che provvedeva a redigere verbale di sequestro cautelare sanitario e assegnazione alla distruzione, predisponendo lo smaltimento delle carcasse da parte della ditta specializzata.

I successivi accertamenti hanno portato al ritiro cautelativo di complessivi 44 fucili e carabine, nonchè il ritiro del porto di fucile per uso caccia dei bracconieri, quest’ultimi sono stati denunciati per le ipotesi di reato contemplate dalla legge n. 157/1992 “norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma per il prelievo venatorio”.


L’articolo Contrasto al bracconaggio: denunce e sequestri di fucili, carabine e munizioni in provincia di Matera proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More