Questa sera nella sal convegni di Palazzo Viceconte in via San Potito a Matera è stato proposto al pubblico il “Concerto barocco napoletano” con musiche di Alessandro Scarlatti e Giovanni Battista Pergolesi eseguite dall’Orchestra Barocca del Festival Duni, Direttore e violino solista Francesco D’Orazio.

“L’Orchestra Barocca del Festival Duni è una degli organismi di punta prodotti dal Festival Duni, creata negli scorsi anni per l’esecuzione di opere inedite del compositore materano Egidio Duni, e quest’anno compie un salto di qualità affidata alla competente direzione del violinista virtuoso e specialista di musica barocca Francesco D’Orazio. Le composizioni di due protagonisti della cosiddetta “scuola napoletana” del Settecento, contemporanei quindi di Duni, dimostrano la versatilità dell’organismo che più avanti nella Stagione vedremo impegnato in un programma vivaldiano. Il Festival si pone dunque anche come eccellenza nella produzione di giovani talenti locali e non solo come convettore dei più grandi musicisti specialisti a livello internazionale” spiega Dinko Fabris, direttore artistico del festival Duni.

L’orchestra ha eseguito un “Concerto Barocco Napoletano” con musiche di Scarlatti e Pergolesi, un omaggio al prezioso e unico patrimonio della celebre “Scuola Musicale Napoletana”, quando Napoli era un grande capitale europea e forse “la” capitale della musica. I due compositori scelti divennero parte del mito stesso europeo della musica napoletana: Alessandro Scarlatti (1660-1725) in quanto primo dei compositori attivi a Napoli ad imporsi a livello europeo come il massimo operista vivente, e dopo di lui Giovan Battista Pergolesi (1710-1736), morto a soli 26 anni, come incarnazione di quel mito con composizioni ancora oggi considerate tra le più importanti di quel secolo.

La fotogallery del concerto (foto www.SassiLive.it)




L’articolo Concerto barocco napoletano con Orchestra Barocca del Festival Duni e violinista e direttore d’orchestra Francesco D’Orazio a Matera: report e foto proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More