Lavori di ristrutturazione mai eseguiti, immobili inesistenti, decine le persone vittime della truffa ed all’oscuro del raggiro milionario.

È quanto scoperto, nelle ultime ore, dalla Guardia di Finanza, nelle regioni della Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Campania, Basilicata e Calabria.

I militari delle Fiamme Gialle hanno, così, sottoposto a sequestro e sventato una truffa per oltre 5,7 milioni di euro, in crediti fiscali fasulli, ad una società edile di Follonica, durante un’operazione denominata “Follow The Credits“.

Ad eseguire quanto avvenuto, i militari della Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Grosseto, su delega della locale Procura della Repubblica.

L’indagine, condotta dalla Compagnia di Follonica, trae origine da una verifica iniziata nel mese di ottobre 2023 nei confronti di una società che deteneva nel proprio cassetto fiscale oltre 5,7 milioni di euro in crediti relativi ai “Bonus Facciate” ed “Eco-Bonus” che risultavano, sin dall’inizio dell’attività ispettiva, essere connotati da specifici elementi di rischio.

I successivi approfondimenti, finalizzati a ricostruire l’intera filiera di generazione dei crediti finiti sotto la lente dalle Fiamme Gialle, frutto di plurime cessioni tra numerosi coinvolti, su tutto il territorio nazionale.

Nello specifico, oltre all’assenza dei formali requisiti previsti dalla normativa vigente e di reali rapporti economici tra le varie parti coinvolte, sono stati individuati crediti generati da società inesistenti, da privati vittime di truffa e completamente all’oscuro dell’esecuzione di presunti lavori presso i propri immobili o, addirittura, da coinvolti risultati non possedere alcuna proprietà.

Come informato in redazione dagli investigatori, la somma, in crediti, non ancora monetizzati o ceduti dall’impresa edile, sono stati sottoposti a sequestro, mentre ammonta a 7 il numero dei coinvolti e denunciati alla Procura della Repubblica.

Rocco Becce

Fonte: La Gazzetta della Val d’Agri – Read More