Agricoltori, tecnici e rappresentanti delle Istituzioni del Bradano “a scuola” di Biodistretto: realizzata la prima visita didattica nelle aree italiane che hanno già sperimentato il modello. Di seguito la nota integrale.

Un nutrito gruppo di agricoltori, tecnici e rappresentanti istituzionali dell’area interna del Bradano, accompagnati da funzionari e tecnici della Regione Basilicata e del soggetto attuatore, EXO Soc. Consortile a r.l., ha partecipato alla prima delle visite didattiche programmate nell’ambito del progetto “BioDistretto dell’Alto Bradano”, finanziato dal PSR Basilicata – Bando Sottomisura 1.3 Speciale Aree Interne. Il Biodistretto è un’area geografica naturalmente vocata al biologico, in cui i diversi attori del territorio (agricoltori, privati cittadini, associazioni, operatori turistici e pubbliche amministrazioni) stringono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse.

In una vasta area compresa tra Lombardia, Emilia Romagna e Marche, sono state visitate Fiere di settore, Parchi agrari ed aziende di eccellenza, e sono stati realizzati incontri con rappresentanti istituzionali, associazioni di categoria ed esperti per approfondire i temi connessi alle produzioni biologiche sia dal punto di vista tecnico che da quello economico, informando e sensibilizzando i produttori agricoli lucani in ordine al processo di costruzione del Biodistretto e alle opportunità generate da questo percorso partecipativo.

“E’ forse questa la sfida maggiore – è stato più volte sottolineato nel corso dei vari incontri in direzione del Comitato Promotore del Biodistretto dell’Alto Bradano -: iniziare a pensare il territorio nella sua complessità e non come singoli Comuni, valorizzando l’agroalimentare di qualità legato a sua volta alle nuove forme di turismo sostenibile e leggero: tendenze che rappresentano una nuova ed importante opportunità di sviluppo economico, specialmente per quei territori a vocazione agricola che rifiutano il modello imposto dall’agricoltura convenzionale”.

Lo scambio di conoscenze e il dibattito sulle procedure e scelte attuate da altri attori in diverse aree d’Italia, pur considerando le diverse peculiarità territoriali e sociali, sono risultate di grande aiuto al Comitato Promotore del Biodistretto dell’Alto Bradano, con la delegazione che ha avuto modo di visitare il Biosalus di Urbino (Festival nazionale del biologico e del benessere olistico), il Distretto Biologico Terre Marchigiane-Urbino, la Cooperativa La Terra e il Cielo di Arcevia (An), il G.A.L. Appennino Bolognese s.c.a r.l. a Sasso Marconi (Bologna), la Coop Iris di Cremona e la Gino Girolomoni Cooperativa Agricola ad Isola del Piano (Pesaro Urbino), tra i pionieri del metodo biologico in Italia. Tra gli incontri istituzionali si segnalano quello con il Sindaco di Urbino, Maurizio Gambini, e quello con la Governance del Parco Agricolo Sud Milano.

Nei prossimi mesi saranno attuate attività di sensibilizzazione nell’area del Bradano per trasferire quanto appreso durante la visita studio. E’ a partire dagli attori del territorio, infatti, che si potrà realizzare un contesto locale capace di trarre beneficio economico, sociale, culturale ed ambientale dalle risorse identitarie nel nuovo modello organizzativo.


L’articolo Agricoltori, tecnici e rappresentanti delle Istituzioni del Bradano “a scuola” di Biodistretto proviene da SassiLive.

Fonte: SassiLive – Read More